Età: 30
Rotterdam, Paesi Bassi.
Primo seminario ICLS: febbraio 2005, Rotterdam

Nadya L. Van Putten

Sono nata e cresciuta ad Aruba, un’isola nei Caraibi olandesi, ed ho traslocato in Olanda nel 2001. Durante i primi anni passati in Olanda avevo sentito il bisogno di fare qualcosa per la comunità nella quale vivevo. I tempi erano molto difficili dal punto di vista politico: i politici di estrema destra e la retorica avevano cominciato ad ottenere sempre più sostegno, quindi i migranti e la società multiculturale erano sotto pressione. Ho cominciato a fare volontariato presso il partito dei Verdi locali e sono rapidamente entrata a far parte della Commissione per i Giovani, l’Educazione e la Cultura. È stato in quel momento che ho sentito parlare dei seminari della ICLS e della partecipazione di altri giovani dalla mentalità simile alla mia che volevano fare la differenza.

Prima della ICLS non sapevo quanti giovani la pensassero come me. Spesso mi sentivo sola, strana, come se stessi sprecando il mio tempo nelle questioni politico-comunitarie. Adesso si è creata una rete di persone con la quale posso discutere delle mie idee e che considero anche cari amici.

Al momento sono membro del Consiglio dell’Organizzazione di Consultazione per i Caraibi Olandesi. Ho anche avuto l’onore di essere ambasciatrice dell’Inspired Project, un programma volto al confronto con le organizzazioni giovanili, le organizzazioni di donne e le scuole, circa numerose questioni politiche, legate alle questioni di genere, o alle mie esperienze di vita. E tutto questo per spingere gli altri a seguire i loro sogni. Sono anche stata presidente del ‘Unity is Strength Foundation’ dove ho lavorato con la ’Rainbow push coalition’ del Reverendo Jesse Jackson Jr su tematiche quali la lotta alla discriminazione e i diritti umani.