Età: 34
Bradford, Gran Bretagna.
Secondo seminario della ICLS: ottobre 2002, Bradford

Bryony Taylor

Ai tempi del seminario della ICLS avevo appena cominciato a lavorare quindi non avevo ancora obiettivi ben precisi, anche se ero impegnata nelle attività della chiesa locale e con un associazione di ragazze scout. Sono passati 10 anni e sto per cominciare la mia formazione come sacerdotessa della Chiesa d’Inghilterra. Sento che sto seguendo la mia vocazione, e alcuni dei semi sono stati piantati quando ho partecipato al seminario della ICLS.

Prima di andare al seminario avevo avuto un’esperienza negativa con un Imam e questo aveva pregiudicato la mia opinione sui chierici musulmani. Al seminario ho incontrato Mahboob, un Imam ancora in formazione che era gentile, rispettoso e profondamente spirituale. Questo mi ha spinta a capire che non si può fare di tutta l’erba un fascio e che ogni persona ha i propri valori. Ci sono stati dei momenti molto difficili durante il seminario, ma era un ambiente sicuro. La grande differenza è stata dovuta al fatto che si trattava di un luogo dove eravamo tutti ospiti, e quindi abbiamo imparato a conoscerci molto bene. È stato molto interessante venire a conoscenza della risoluzione dei conflitti in Libano e anche studiare le tecniche per la risoluzione di tali conflitti. Anche la formazione in comunicazione è stata molto utile ed è qualcosa che ho continuato ad utilizzare anche dopo. Credo che le mie abilità di leadership, coltivate durante il seminario, sono emerse in maniera molto forte dentro di me.

A seguito del seminario un gruppo di noi ha partecipato ad un progetto con la polizia del West Yorkshire per organizzare qualcosa di simile al seminario della ICLS indirizzato ad adolescenti di Bradford provenienti da diversi ambienti. Visti i risultati di questa esperienza, abbiamo creato un partenariato con la polizia per lavorare con questo gruppo di giovani ed è stato qualcosa di molto gratificante. Questo non sarebbe successo se non avessimo partecipato alla ICLS perché ci ha dato l’entusiasmo per trasferire quello che avevamo imparato alla generazione successiva e spero che potrò continuare a farlo la mia vita futura e nello svolgimento dei miei compiti di sacerdotessa.