L'ICLS: breve storia e avvenimenti principali

1996 - 1998.

Il Democratic Leadership Programme contatta dei ragazzi con delle capacità di leadership provenienti dalla Bosnia e della Erzegovina, dopo la fine della guerra, per favorire la riconciliazione, per creare dei corsi di formazione e dei network. L'esperienza è sorprendentemente positiva. Il Parlamento Europeo, la Commissione Europea, il Nordic Council of Ministers, la missione dell'OSCE in Bosnia ed Erzegovina e altri partner come Steering Group guidato dal Deputato Segretario Generale del Concilio d'Europa (Strasburgo) supervisionano la messa in atto della fase pilota del Democratic Leadership Programme (DPL). Il DPL contatta dei ragazzi con capacità di leadership provenienti dalla Bosnia ed Erzegovina (Bosniaci, Croati e Serbi) a fine guerra, provenienti dalla Slavonia dell'Est in Croazia (Croati e Serbi) e dalla Regione Baltica (Estoni, Finlandesi e Russi da Kaliningrad e San Pietroburgo) per un seminario di formazione sulla leadership e sulla riconciliazione e per costruire un network. Sin dall'inizio il progetto mostra di essere uno strumento per creare confidenza tra giovani leader provenienti dai fronti opposti delle società lacerate dalla guerra o da altre divisioni.

1997.

Alla Kennedy School of Government, due dei fondatori della ICLS, Geza Tessenyi e Kamran Rizvi, cominciano a discutere sulla potenziale espansione, in una dimensione internazionale, di un programma modificato. Gli obiettivi sono di sostenere la pace, creare fiducia e cooperazione tra persone differenti. Si decide che ciò dev'essere fatto attraverso lo sviluppo di una giovane leadership interculturale per la buona gestione della diversità locale. Durante un breve corso sulla "Leadership for the 21st Century" alla Kennedy School of Government dell'Università di Harvard (Cambridge, Mass.), Geza Tessenyi, il fondatore e cordinatore del DPL, e Kamran Rizvi, fondatore e Capo Esecutivo della Pakistan - based KZR Associates (la prima società di consulenza per il management e la leadership fondata in Pakistan), entrambi futuri fondatori della ICLS, s'incontrano e iniziano a discutere sulla potenziale espansione di un progetto modificato del programma del DPL in una dimensione internazionale come segno della non accettazione del concetto dello "scontro di civiltà", così come coniato dagli studiosi di Harvard. Gli obiettivi sono di sostenere la pace, creare fiducia e cooperazione tra persone divise. Si decide che il progetto va messo in pratica attraverso lo sviluppo di una giovane leadership interculturale per la buona gestione della diversità locale.

1998 - 2000.

Iniziano delle consultazioni sull'iniziativa e sulla sua messa in atto e si sviluppa il primo nucleo di principi per delle future operazioni concrete. Gli obiettivi devono essere portati avanti attraverso dei seminari sulla comunicazione interculturale e sulla creazione della leadership, attraverso dei Network of Trust locali e attravreso una loro cooperazione a livello internazionale. Durante la sessione del settembre 1998 dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, il Presidente Iraniano di quel tempo, Muhammad Khatami chiede l'indizione di un "Anno per il Dialogo tra le Civiltà" con la cornice delle Nazioni Unite. L'anno designato è il 2001. Il primo schizzo dell'iniziativa per l'ICLS, poi chiamata "La Società della Civiltà", è fatto da Geza e iniziano delle consultazioni informali sull'iniziativa e la sua messa in atto con il team di Kamran a Karachi, con interessanti studenti universitari e diplomati internazionali, con personalità Cristiane, Ebree e Musulmane, con istituzioni e con il personale civile europeo e delle Nazioni Unite. Il testo abbozzato, frutto delle consultazioni, si evolve e il primo nucleo di principi è sviluppato per guidare le concrete operazioni future. In collaborazione con entità civili, pubbliche e private, gli obiettivi devono essere realizzati attraverso una comunicazione interculturale e dei seminari di leadership, attraverso la costituzione di Network of Trust locali ed una loro cooperazione internazionale.

2001.

L'Anno delle Nazioni Unite del Dialogo tra Civiltà si scontra con l'11 Settembre: i fondatori della ICLS credono che lo scontro di civiltà non sia inevitabile e lavorano per l'inizio del progetto nel nord dell'Inghilterra. E' l'Anno del Dialogo tra le Civiltà, dichiarato dalle Nazioni Unite. Ad aprile, Geza va a New York per incontrare il Rappresentante Personale del Segretario Generale Kofi Annan per l'Anno del Dialogo delle Nazioni Unite, Giandomenico Picco. Egli informa il Segretario Generale sull'iniziativa e la considera come una potenziale e concreta continuazione dell'Anno del Dialogo dichiarato dall'Onu. In oltre, a New York, si tengono delle consultazioni al Consiglio per le Relazioni Estere, tra alcune università (Princeton, Columbia e New School) e delle organizzazioni interreligiose, con base a Manhattan. In giugno il piano inizia a lavorare concretamente con un progetto pilota nella città di Bradford (Inghilterra) etnicamente e culturalmente segregata e viene cambiato il nome dell'iniziativa è in Intercultural Leadership School (ICLS). I partner locali dell'iniziativa sono il Dipartimento di Studi sulla Pace dell'Università di Bradford, l'Arcidiacono Anglicano di Bradfrod (Guy Wilkinson), il Consiglio delle Moschee di Bradford e l'Asian Women and Children Centre (Selina Ullah). In luglio degli scontri etnici si espandono nel nord dell'Inghilterra e una delle aree più violente è Bradford. La divisone tra giovani asiatici e bianchi, con la polizia nel mezzo, è ovvia e le conseguenze sono sanguinolente e costose. Vengono intensificati i preparativi per il lancio della ICLS a Bradford, vista come uno dei mezzi per sanare le ferite della città. L'11 Settembre si aggiunge alle tensioni, e alcuni cominciano a dire apertamente che lo scontro di civiltà è inevitabile. I padri e le madri fondatori della ICLS credono che questo non sia vero.

2002.

L'anno della nascita ufficiale della ICLS e dei primi progetti. Le sedi sono Roma e Islamabad, perché rappresentano la proprietà condivisa del progetto da parte di persone provenienti da culture e continenti diversi. Ad aprile, a Bradford, si tiene il primo seminario pilota interculturale con 14 persone di 20 anni, provenienti da ambienti cristiani, musulmani e laici. Il seminario è inaugurato dal Sindaco e da tre membri del Parlamento Europeo eletti localmente (Conservatori, Laburisti e Liberal-Democratici), a testimoniare che l'ICLS è politicamente trasversale e che è interessata a tutte le principali forze politiche, sia nazionali che europee. Il seminario pilota è finanziato privatamente da alcuni dei fondatori e vi è investita una significativa somma di lavoro volontario. Alla fine del seminario si tiene un incontro internazionale che consiglia e valuta i risultati ed aiuta a identificare le direzioni per il futuro. Immediatamente dopo il seminario è creato il Bradford Network of Trust da parte dei partecipanti (alunni); funziona attraverso il gruppo internet e attraverso degli incontri frequenti. L'obiettivo del network locale è di facilitare dei progetti individuali e collettivi dei membri che costruiscano un clima di fiducia, pace e cooperazione tra la differenti comunità locali. Guido Orlandini, un economista dello sviluppo e un funzionario civile internazionale in Europa e nel sistema delle Nazioni Unite si aggiunge alla squadra della ICLS. Il compleanno ufficiale della ICLS è il 12 ottobre 2002, il giorno in cui Geza e Guido la registrano a Roma come un'associazione culturale con scopi internazionali. Guy, Kamran e Selina poco dopo si uniscono al Management Board e altri due membri (Philip Lewis e Karen Abi-Ezzi) entrano nell'associazione. La seconda sede è Islamabad, per motivi pratici (stabilire una cooperazione) e per la ragione simbolica di creare una comunità di persone provenienti da culture e religioni differenti, così come da continenti diversi. Anche la composizione dei gruppi e del gruppo dirigenziale della ICLS riflette questa proprietà comune. In ottobre si tiene a Bradford un secondo seminario e il nuovo gruppo di partecipanti al seminario si aggiunge alla Network of Trust locale creata dai partecipanti del primo seminario. Per la prima volta, un giovane poliziotto è inviato dalla polizia del West Yorkshire a partecipare al seminario e ad entrare a far parte della rete locale. L'esperienza è reciprocamente così positiva che molti altri giovani poliziotti sia bianchi sia provenienti dalle minoranze partecipano ai seminari della ICLS durante gli anni successivi. Il seminario è co - finanziato dall'Agenzia Regionale dello Sviluppo (Yorkshire Forward) e dalla Local Strategic Partenership (Bradford Vision) così come da donazioni private.

2003.

L'anno del supporto finanziario e politico dell'Unione Europea alla nuova organizzazione. Durante l'anno si tengono a Bradford altri due seminari, e i nuovi partecipanti si uniscono alla Bradford Network of Trust i cui membri informali alla fine dell'anno sono all'incirca 55. La locale messa in atto dei seminari è affidata all'Active Faith Communities (AFC), un'organizzazione benefica multiculturale con base a Bradford. Durante l'anno, i principali gruppi politici del Parlamento Europeo di Strasburgo e Bruxelles, sia di destra che di sinistra, riconoscono che la ICLS possiede un vero potenziale per risolvere i conflitti della comunità e promuovere i valori europei attraverso la cittadinanza attiva. Nel capitolo delle relazioni esterne si ha un diretto riferimento alle iniziative dell'ICLS come una delle priorità per l'allargamento. L'ICLS non si occupa di questo tema ma è lieta di apprezzare/riconoscere il valore di questo riconoscimento per un'organizzazione che, al momento dell'adozione del budget, aveva solo 14 mesi di vita. In una lettera dell'aprile 2003 indirizzata al Presidente dell'ICLS, il Presidente del Parlamento Europeo scrive: "Credo che l'Intercultural Leadership School possa giocare un ruolo importante nello sviluppo delle relazioni internazionali e della rappresentanza dei nostri comuni valori." Da allora l'ICLS ha tentato di soddisfare queste alte aspettative. Il simbolo o il logo della ICLS e la sua spiegazione sono stati adottati come riassunto visivo e verbale del concetto e della pratica della ICLS.

2004 - 2005.

L'anno in cui l'ICLS si espande in altri cinque paesi europei e due asiatici. Inizia il Citizens Communication Council. è riconosciuto il ruolo della ICLS nel creare un ponte tra le differenti culture per la "sicurezza" e il "dialogo". A Bradford il seminario continua a tenersi due volte all'anno e i membri della rete creatasi dai cinque precedenti seminari mettono in piedi la Bradford of Intercultural Leadership (Bradford SOIL), nell'aprile 2004, per porre in essere i nuovi progetti locali degli alunni della ICLS e per supportare le operazioni della ICLS in Gran Bretagna e in altri paesi. I primi due seminari a Leicester, in Inghilterra, si tengono nel settembre del 2004 e del 2005 con la partecipazione di giovani adulti provenienti dalle molteplici comunità di fede e da ambienti laici. Viene creata la Leicester Network of Trust da parte degli alunni locali della ICLS. Nell'Europa continentale, si organizzano due seminari a Roma (febbraio e novembre 2005), due a Berlino (febbraio e dicembre 2005), un seminario a febbraio 2005 e un altro evento interculturale, organizzato dalla Network of Trust locale della ICLS, con 78 partecipanti a Rotterdam (dicembre 2005), e un seminario europeo per tutte le città in cui lavora l'ICLS in Europa a Taizé - Lione (dicembre 2005). Tutti questi seminari ed eventi beneficiano dei fondi accordati dalla Direzione Generale per l'Educazione e la Cultura della Commissione Europea sulla base dell'allocazione del bilancio da parte della UE nel 2003. L'Ufficio del Primo Ministro (OPDM) a Londra offre un supporto finanziario per le autorità locali che sperano di implementare e co-finanziare i progetti della ICLS nelle loro città. Nel novembre del 2005 la polizia del West Yorkshire, basandosi sulla loro positiva esperienza nel mandare dei giovani poliziotti e poliziotte ai seminari della ICLS a Bradford, iniziano con la ICLS un seminario europeo della polizia dell'ICLS (Building New Civic Trust) dove gli alunni della ICLS provenienti dalle città in cui l'ICLS lavora, incontrano ufficiali della polizia provenienti dalle stesse città sia per imparare le migliori pratiche sia per migliorare le relazioni tra ragazzi giovani e poliziotti nelle loro rispettive città caratterizzate dalla diversità. Si riconosce il ruolo della ICLS nel fare da ponte tra differenti culture per la "sicurezza" e il "dialogo". Dopo gli attacchi terroristici del 7 luglio 2005 a Londra, la polizia locale informa l'ICLS che Bradford, con più di 100 alunni della ICLS e molti progetti di pace portati avanti da questi stessi alunni, è una delle più calme città con un'alta diversità etnica in Inghilterra. Visto che l'ICLS è ora considerata come un potente strumento per coinvolgere positivamente e pacificamente i giovani delle città provenienti dagli ambienti delle minoranze e non, si ha una grande espansione, in Inghilterra, delle attività già esistenti della ICLS che vengono negoziate con gli sponsor locali/regionali. Questi progetti sono attesi per il 2006. La prima operazione asiatica è il seminario a Cylegon, Indonesia, tenutosi in collaborazione con una fondazione indonesiana (Yayasan Tifa) e con l'Ambasciata Britannica a Jakarta nell'aprile 2004. Si crea la Cilegon Network of Trust che comincia a lavorare localmente anche se i cambi nella collaborazione con i partner locali e le successive difficoltà di comunicazione rallentano il processo di espansione della rete in Indonesia. In Pakistan, la School of Leadership Foundation viene registrata a Islamabad come sede rappresentativa e secondaria della ICLS e si tengono i primi due seminari pakistani nel giugno 2005 con la partecipazione di circa 30 ragazzi provenienti da 8 confessioni di fede differenti a Karachi e ad Islamabad/Rawalpindi. Nel settembre 2005, la Islamabad /Rawalpindi Network of Trust tiene il primo grande evento per 158 ragazzi ad Islamabad. Si emenda il nome completo della ICLS per esprimere la valenza della comunicazione interculturale del suo lavoro (Intercultural Communication and Leadership School).

2006 - 2007.

La Commissione Europea riconosce l'ICLS come il miglior modo per "promuovere una cittadinanza attiva" e un "dialogo interculturale". Si sviluppano nuovi metodi di cooperazione fra gli alunni della ICLS e le autorità locali. Il clima di sfida è uno strumento per creare una pace locale. Nel 2006 l'ICLS punta su una crescita più di qualità che di quantità. Le operazioni locali della ICLS stanno diventando sempre più attive. Due esempi del 2006 sono i gruppi della ICLS di Leicester e Lione che prendono l'iniziativa e organizzano nuovi seminari locali, inclusi la raccolta di fondi e molto lavoro volontario di input. L'ICLS, inoltre, comincia a pensare al ruolo dei Network of Trust nelle diverse società locali. Il supporto finanziario offerto del Governo Inglese (vedi prima) nel 2005, è utilizzato in due nuove città inglesi, a Peterborough (in cui il primo seminario si tiene nel settembre 2006) e a Walsall (in cui il primo seminario si tiene nel febbraio 2007). I due progetti che continuano il lavoro con gli alunni locali sono completati con successo e riportati al Department of Communities and Local Government nel maggio 2007. L'ICLS comincia a sviluppare e a facilitare dei mezzi per legare le iniziative degli alunni locali con le priorità delle autorità locali del Community Cohesion Agenda e i piani a lungo termine per il futuro di queste città. Nel 2006 l'ICLS è invitata, in due importanti conferenze a Bruxelles, dalla Commissione Europea ad esporre il suo progetto a settembre (nel promuovere una cittadinanza attiva) e a novembre (nel promuovere il dialogo interculturale). Il Presidente della ICLS parla del lavoro della ICLS alla conferenza di settembre (Forum per l'Europa dei Cittadini) a fianco del Capo Esecutivo del Consiglio della Città di Peterborough che conferma gli immediati effetti positivi della ICLS nel portare coesione e cooperazione interculturale nella città. Nel marzo 2006 l'ICLS è presentata all'Università di Tokyo come un contributo alla sicurezza umana. Si sviluppa una cooperazione triangolare con l'Università di Tokyo, l'ICLS e una delle più importanti organizzazioni della società civile del nord est asiatico, la Peace Boat. Questa cooperazione intende sviluppare un progetto comune che coinvolga l'Europa, il Medio Oriente, il Sud e Sudest Asiatico, così come il progetto della Human Family Boat. Una visita del Presidente della ICLS in Israele e nei Territori Palestinesi (giugno 2006) apre nuove possibilità per una cooperazione in Medio Oriente. Queste possibilità sono ulteriormente estese dalla partecipazione alla conferenza a Washington DC e a New York (ottobre 2007). Gli incontri effettuati durante questo viaggio permettono lo sviluppo di una cooperazione informale con, tra gli altri, l'Ufficio del Segretario Generale e la Conferenza Mondiale delle Religioni per la Pace. Queste discussioni sono basate sull'iniziativa concettuale della ICLS e sui suoi obiettivi pratici di sfruttare i mutamenti climatici quale sfida e strumento per creare la pace locale. Si sono tenuti, nel frattempo, dei nuovi seminari a Lione (giungo 2006 e 2007), Bradford e Leeds (tra il 2006 e il 2007) e a Roma (dicembre 2007) e i Network of Trust locali hanno continuato ad espandersi sia per numero di partecipanti che per la qualità delle iniziative ideate per favorire una coesione sociale.

2008.

Inizia la cooperazione con l'Alleanza delle Civiltà delle Nazioni Unite La ICLS ottiene un accordo di cooperazione biennale (2008-2009) da parte della Commissione europea. Il Presidente della ICLS, su invito del Vice Presidente del Parlamento Europeo, co-presiede il gruppo di Governance della AGORA dei Cittadini sui cambiamenti climatici del Parlamento Europeo. Le conclusioni dell'AGORA, su iniziativa della ICLS, promuovono il buon governo e la protezione del clima e il ruolo che possono avere la comunicazione interculturale e la leadership.

2009.

La ICLS porta avanti in tutta Europa il concorso di leadership giovanile AtmosphEuropa. Il Presidente del Parlamento Europeo concede il suo patrocinio al progetto, sostenuto da eminenti rappresentanti dei principali gruppi politici, e la finale del concorso si svolge nel Parlamento Europeo a Bruxelles ed è trasmessa dal vivo in web-streaming. La ICLS propone un progetto internazionale tra quelli vincitori del Mercato delle Idee al Secondo Forum dell'Alleanza delle Civiltà a Istanbul. Come evento parallelo alla Conferenza di Copenaghen sul clima organizzata dalle Nazioni Unite, la ICLS e la Intercivil Society lanciano l'iniziativa 'Partenariato per un buon clima nella società e nella natura'.

2010.

Il Fondo di Solidarietà Giovani 2009 dell'ONU è assegnato alla ICLS, in collaborazione con Praxis Progetti di Comunità di East London, per il progetto MicroCosmo interculturale. Il progetto è stato portato a termine completato nel mese di aprile e in maggio verrà comunicato al terzo forum dell'Alleanza delle Civiltà a Rio de Janeiro. La ICLS ha anche ottenuto un finanziamento pluriennale di tre anni (2010-2012) dalla Commissione europea.

2011.

Avvio del programma Rete di Fiducia Mediterranea, partecipazione della ICLS nella Piattaforma per l'Europa Interculturale, esplorazione delle possibilità di formazione in materia di diplomazia civica in Europa

2012.

 Valutazione delle  lezioni apprese e di diffusione dei risultati dei primi dieci anni di esistenza di ICLS,è studio di valutazione di dieci anni di attività ICLS a Bradford,è presentato alla Camera dei Lord il 19 giugno 2012

Primi seminari a Bradfordè indirizzati adè alti funzionari di polizia e funzionari pubblici, studio della applicazione della metodologia della ICLS a contesti diversi da quello deiè giovani futuri leader.

La ICLS diventa membro del Consiglio Italiano del Movimento Europeo (CIME), ed ha un nuovo ufficio a Roma. Apre anche un nuovo uffcio a Bradford. Laè ICLSè diventaè membro della EYCA 2013, l'alleanza della società civile che contribuisce ad eventi edè attività nel quadro dellâ??Anno Europeo 2013, dedicato ai cittadini.